domenica 28 aprile 2013

Ma non eravamo noi italiani, gli scansafatiche d'Europa?





Un tranquillo mercoledì pomeriggio a Parigi ( foto La Stampa)


Ci sono delle notizie che ti scaldano il cuore.
Con i problemi economici che ci affliggono, patemi politici, fattacci di cronaca gravi come quello accaduto oggi a Roma, non mi è parso vero di leggere quello di cui sto per raccontarvi.
Sembra che, non siamo più i fanalini di coda dei lavoratori europei.
A quanto pare i francesi ci battono.
Sono gli unici in Europa e forse al mondo ad avere le 35 ore settimanali lavorative.
E... rullo di tamburi... più ferie durante l'anno: 36 giorni contro i nostri 31, insieme a britannici, spagnoli e svedesi. Fanalino di coda sono i tedeschi con 29 giorni, ma questi ultimi godono del pugno di ferro della Merkel.
Per la pensione aspettano i 60,3 anni mentre gli italiani dopo la riforma, sono a 60,8 e sappiamo che peggiorerà.
Loro si difendono dicendo che quello che conta non è la quantità ma la qualità.
Su quella della loro vita, non ci sono dubbi, viste le immagini.
E voi, di mercoledì pomeriggio cosa fate?

21 commenti:

  1. Hai pescato una bella chicca e questo ci rallegra un po' dopo la brutta
    giornata di oggi qui a Roma,
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, CARO Aldo, oggi non è stta una bella giornata.
      Pertanto, ho provato a sollevare il morale.
      Mi è sembrata una notizia divertente ma non troppo di cui informarvi.
      Un caro saluto a te.

      Elimina
  2. Più che fanalini di coda e scansafatiche mi paiono un esempio di civiltà (ma non dureranno, con la piega, anzi, la piaga, che sta prendendo il mondo). Come sosteneva Bertrand Russell MOLTI decenni fa, se usassimo politica e tecnologia in modo intelligente e onesto potremmo lavorare tutti un paio di giorni la settimana e poi vivere bene, invece di farci spremere e sfruttare come schiavi. Dopodiché quell'immagine potrebbe illustrare non solo i mercoledì degli europei, ma anche i giovedì, i venerdì, i sabati, le domeniche.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io piccola schiavetta di medio raggio, mi rendo conto che sarebbe bellissimo, riuscire a godere appieno di una società illuminata.
      Ma non lo siamo, caro zio.
      E pertanto, resto moderatamente invidiosa.
      Poi penso che il lavoro è mia dignità fondamentale e in un periodo in cui, non c'è tanto da stare allegri in proposito, tali sbruffonate dei francesi sulla qualità mi danno abbastanza fastidio.
      Preferisco i londinesi, ad esempio, che lavorano cinque giorni alla settimana come noi, e magari la pausa di un'ora la passano nei loro splendidi parchi cittadini a fare pic-nic e a prendere il sole. Finita la pausa tornano tranquillamente alla loro scrivania. Penso che la qualità sia un loro obiettivo. Ma non lo sbattono in faccia agli altri.
      Sono figlia dei miei tempi e per ora non mi faccio illusioni.
      Vorrei che, innanzitutto ce lo avessimo il lavoro. Lo so, sembra un discorso qualunquistico, ma è sostanziale.
      E l'episodio di questa mattina a Roma è esempio lampante.
      Se poi, lavorare di meno ma lavorare tutti è uno dei traguardi da raggiungere, ditemi dove devo firmare che sono pronta.
      Abbraccio.

      Elimina
    2. Che poi io non posso giustificare un gesto simile.
      Ma penso che sia solo un terribile esempio di quello che potrebbe succedere molto più spesso, nel momento esatto in cui una società è allo sbando.

      Elimina
  3. Ciao Mari!
    Saranno pure Parigini ma questi nella foto mi sembrano tanti buoi al pascolo che hanno deciso di Cazzeggiare…
    Io di mercoledì pomeriggio lavoro come tutti gli altri giorni tranne il prossimo che è la festa dei lavoratori gh gh
    Bacio ragazza!

    RispondiElimina
  4. Ciao Clà, condivido! In questi giorni ho visto di quelle mucche al pascolo, molto più discrete e raffinate nelle pose rispetto ai parigini.
    Idem con patate. Mercoledì di tutto riposo, meritato.
    La festa dei Lavoratori.
    Oramai declassata a Concertone del Primo Maggio.

    Ti abbraccio!

    RispondiElimina
  5. Mi metti in imbarazzo.
    In quanto non lavoratrice se c'è un bel sole il mercoledì pom mi trovate al Parco con cane e bambina.
    Che a pensarci è un lavoro pure questo.
    Un cane innamorato e una bambina d 14 mesi che non ha ancora capito che fiori e foglie vanno ammirati...non mangiati!
    Provateci voi ;-)
    veru

    RispondiElimina
  6. Vuoi dirmi che tu non fai nemmeno le 35 ore settimanali dei francesi?
    Bella roba.
    E io che sto a discutere di diritti e di lavoro e poi una delle mie più care amiche passa il tempo a "scazzeggiare" al parco con pupa e cagnolino.
    ghghghgh
    Alcuni fiori si possono mangiare, ma non lo diciamo a Noa per ora.
    PS1: ma di chi è innamorato il cane?
    PS2: io penso che sia il lavoro più complicato al mondo il tuo. Nessuno te lo insegna e ogni esperienza è così personale che gli esempi degli altri lasciano il tempo che trovano.
    Pertanto tutta la mia ammirazione.
    Bacio

    RispondiElimina
  7. Il Faro è innamorato.
    E' Primavera cara Mari,noi in effetti non ce ne siamo accorti ma l'olfatto dei cani ci batte anni luce.
    Di chi?
    Di tutte le cagnoline che bazzicano al Parco,giovani o vecchie belle o brutte.
    Lui va dietro a chiunque senza criterio,vedi solo quel naso che se ne sta su per aria.
    Ora,lui ha una certa età,non conosce le gioie del sesso,al massimo un po' di petting con il suo pelusche...ghghghghgh...tuttavia l'istinto gli segnala che gli manca il salto di qualità.
    Che merita qualcosa di meglio.
    E mi fa impazzire.
    Comunque io sono per meno ore ma lavoro per tutti.

    RispondiElimina
  8. Un Faro innamorato, che gira mentre disperde luce.
    ghghghgh
    Sulle ore e sul lavoro per tutti ci faremo un punto del tuo programma.
    GGHGHGH

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mari sei forte ;-)
      veru

      Elimina
  9. Quanto mi piacerebbe cazzeggiare così!
    Ogni tanto lo faccio però, nèééé!
    E mica solo loro si possono divertire.

    CASPITERINA.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ogni tanto ci vuole, eccome se ci vuole.
      SMACK!

      Elimina
  10. Grazie della tua visita.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  11. Cara Spia
    cazzeggiare è ben altra cosa!
    Ti presterò cane e bambina per un po' poi mi dici.
    Sempre che tu resista...ghghghgh
    bacio

    RispondiElimina
  12. E in tutto questo tempo libero ho finito pure il libro di Nicola :-)
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava, allora sei pronta per raccontarmi se ti è piaciuto.

      Elimina
  13. Io ho il sabato libero,come insegnante lavoro meno ore di un impiegato,fortunata,anche se oggi, primo maggio devo passare alcune ore a correggere i compiti e ad preparare le lezioni.La mia "carriera" scolastica è iniziata dal basso piano piano con fatica, dalla scuola materna ,poi elementare,medie e superiore.E' stata una faticaccia perchè ho dato tanto alla scuola e spesso ho tolto alla famiglia,con mio grande rammarico oggi. Comunque se tutti si lavorasse seriamente e con impegno sarebbe diverso ma così non è, molti timbrano il cartellino ,anche da noi,poi escono a prendere il caffè o a fare la spesa o leggono il giornale.Non tutti lavorano coscienziosamente.Questo è uno dei problemi più grossi in tutti gli ambienti.Lavorare meno ,lavorare tutti perchè no ? Se lo stipendio fosse adeguato per vivere dignitosamente firmerei anch'io.
    bacio

    RispondiElimina
  14. Ciao Lucy, molto bello il tuo commento.
    Il mondo, il nostro mondo lavorativo deve cambiare. Leggendolo come le altre riflessioni di tutti noi fatte qui, ho pensato al mio nuovo post.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina

Informazioni personali

La mia foto
Quasi sei anni di blog. Benvenuti da me. Vi accoglierò con abbracci e qualche legnata. Abbiate pazienza divento anziana!