giovedì 16 maggio 2013

Ma voi che fate quando siete tristi?








Una ricerca USA ha stabilito che quando siamo particolarmente abbattuti, bisognerebbe ascoltare della musica malinconica oppure vedere un film triste. (fonte La Stampa).

Bando all'allegria, ai film con Verdone o Totò, alla musica pop allegra e solare.
Meglio un bel CD di Carmina Burana o di Leonard Cohen. Un libro sulle manie di persecuzione o un romanzo da attorcigliamento di budella.
Andrei sui classici russi (ghghghgh), e mi leggerei Il Dottor Zivago.
Vuoi mettere i fiumi di lacrime? Se poi lo accompagni anche a una ennesima visione del film, sei a posto per anni.
Insomma per venirne fuori dobbiamo essere in sintonia con il nostro malessere.
BAH.
Io di certo, se sto giù, e capita eccome se capita, cucino e mi sento subito meglio.
Oppure, parto per un bel giro di shopping. Accompagnata o in solitudine, questo dipende dal livello di deprescion raggiunta.
Ma la cosa migliore è avere delle amiche che ti trascinano fuori per i capelli, quando non ci stai con la testa, che poi ringrazierai all'infinito perchè come ridi con loro anche delle tue disgrazie, con nessuno mai.

Già, per i momenti bui ci vuole una bella overdose di amicizia.
E non sbagli mai.







29 commenti:

  1. i classici russi, in effetti, li consigliano anche negli ospedali psichiatrici :-P
    scherzi a parte, le amicizie in questo caso (ma non solo in questo) sono un toccasana.

    RispondiElimina
  2. Hai ragione, non c'è nulla di meglio che stare con le amiche quando si è giù.

    Baci

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quattro risate, un bicchiere di rosso, confidenze e affetto.
      Non abbiamo poi bisogno di molto altro.
      Baci a te.

      Elimina
  3. eh... prima ascoltavo musica tristissima, poi ho capito che è meglio stare con gli amici

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah beh... meno male Ernest, che la musica a volte ti da la mazzata finale!

      Elimina
  4. Quando sono triste? Cerco un film su you tube che mi fa ridere.
    E, a proposito di tristezza, permettimi di darti un consiglio: vai su "you tue video canzone 'Tristezza" che la Vanoni canta con molta allegria.
    =TRISTEZZA PER FAVORE VAI VIA...=
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Adesso me la vado a cercare la Vanoni.
      Grazie per il consiglio!
      Abbraccio.

      Elimina
  5. Ciao Mari!
    Io la tristezza la detesto,la scaccio appena fa capolino,insomma reagisco e penso ad altro a qualsiasi cosa che sappia farmi tornare il buon umore,ascolto la musica e canto..sono pure intonata! gh gh gh
    Bacio bella ragazza,fai in modo che tutto rimbalzi né ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava amica, così si fa!
      Io canto anche mentre cucino, mi rilassa e mi tiene allegra.
      Le canzoni napoletane che cantava mia nonna Carmela.
      Adoro...
      Piano piano ce la posso fare, cara.
      Grazie.
      Abbraccio

      Elimina
  6. se sono triste e mi vedo un film come il dottor zivago va a finire che mi suicidio ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto!
      Io non sono mai riuscita a vederlo tutto, e dire che ci ho provato sai?
      Grazie per essere passata.
      Abbraccio!

      Elimina
  7. Risposte
    1. Grazie Kylie.
      Anche a te. Speriamo non troppo piovoso!

      Elimina
  8. Quando sono triste scendo al piano di sotto dalla mia amica Anna.
    Oppure sfogo le lacrime,proprio le lascio andare,singhiozzi compresi e sto subito meglio.
    Oppure mangio tutte le schifezze innimaginabili.
    Ma più che triste io sto spesso incazzata...ghghgh
    veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Schifezza inimmaginabile può essere bloody mary con creakers pucciati dentro?
      A me mi piace...
      tu sei spesso incazzata, io quando mi incazzo faccio dei casini tremendi...non riesco a contare fino a dieci!
      ghghghgh

      Elimina
  9. ahhahhahaha ottima terapia farsi tante buone schifezze,la nostra psiche le richiede quando è compromessa da "rinunce" momentanee nèèèèè
    ciao Veru!!
    Baciii

    RispondiElimina
  10. Direi di sì!
    STO PENSANDO CHE SONO SENZA SUCCO DI POMODORO...
    Ma magari una birretta e patatine....ci state?

    RispondiElimina
  11. Ho visto L'eurofestival e dico che Mengoni è stato bravo, nonostante l'evidente emozione.
    Dico anche che,
    se furbamente avessimo ideato un minimo di coreografia avremmo vinto...che so una danzatrice classica per esempio, molto essenziale ma adatta allo scopo.
    Lo stesso identico errore commesso con Raphael Gualazzi, second me.

    Un bacio Mariella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Probabile.
      Il problema è che in Italia, l'Eurofestival non se lo caga nessuno.

      Marco è stato bravissimo.

      Elimina
  12. Dici bene, questa è una ricerca che sconfinfera, nel senso che non mi sembra per nulla giusta, a meno che non si rifaccia a quella medicina che cerca in veleni più potenti della malattia la cura... credo che le amiche di Sex and the City abbiano ragione: un goccetto e la tristezza va via ... ma non deve diventare un vizio, potrebbe essere pericoloso.

    RispondiElimina
  13. Vizio? Ma no dai, solo un goccetto! ;-)
    Grazie di essere passato da me.

    RispondiElimina
  14. Mariiiiiii! Ciao io quando sono triste piango tanto,nonho bisogno di niente solo un rotolo do scottex.Negli ultimi anni una volta ogni 15 giorni attacco a frignare come una bambina.Dopo qualche ora però sto bene.

    RispondiElimina
  15. Cara Lucy.!
    Anche quello da te utilizzato può essere un modo per sfogarsi
    Una volta esaurite le lacrime non si può che stare bene.

    Io ed è capitato, lacrime e Nutella.

    RispondiElimina
  16. Quando sono triste c'è un solo luogo in cui recarmi per tirarmi su di morale e si chiama PASTICCERIA!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Secondo me, va benissimo Ladurée.
      ghgh

      Elimina
  17. Cara Mariella,
    quando sono triste, non voglio essere triste.

    Un baciooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io. Ma non sempre riusciamo a fare quello che vogliamo.

      Elimina

Informazioni personali

La mia foto
Quasi sei anni di blog. Benvenuti da me. Vi accoglierò con abbracci e qualche legnata. Abbiate pazienza divento anziana!