venerdì 13 settembre 2013

Unicef: un mondo di aiuti per i bambini

















Il nuovo allarme Unicef, da un articolo letto oggi su La Stampa.

Ogni giorno continuano a morire 18.000 bambini in tutto il mondo. Sebbene la mortalità infantile si sia dimezzata negli ultimi anni, ci sono stati 6 milioni di bambini morti solo nel 2012.
Sono numeri che mi hanno fatto accapponare la pelle.

Le cause, in maggioranza malattie curabili.

Polmonite, nascite premature, conseguenze legate al parto e diarrea.
Quest'ultima causa mi ha sconvolto,una cosa così comune da noi e facilmente risolvibile che provoca morti come una malvagia epidemia.

Non posso fare molto, ma utilizzare lo spazio del mio blog come veicolo per aiutarli, sì.
Questi i numeri del conto corrente Unicef e il link su cui informarsi.

I bimbi sono il sale della terra.



Donazioni




11 commenti:

  1. Dalle tue parole si evince la tua bontà d'animo e la tua sensibilità.
    Farò ciò che sarà nelle mie possibilità.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Aldo, siamo in tanti a cercare di fare qualcosa nel nostro piccolo.
      Forse non abbastanza, però ci proviamo.
      Grazie per essere dei nostri.

      Elimina
  2. Io preferisco aderire a piccole iniziative, tipo lasciare il ristorno dell'ipercoop in beneficenza, donare una piccola quota per collette improvvisate per chi ne ha bisogno, ecc.

    Buon sabato!

    Bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche io partecipo a tutte le piccole iniziative, ad esempio " La colletta alimentare" i contributi all' Opera di San Francesco, da sempre mia priorità, la partecipazione a varie iniziative che curo in materia autonoma e personale che riguardano varie Onlus. Di una gestisco a titolo gratuito contabilità e bilancio.
      Ma penso, in tutta sincerità, che questo appello dell'Unicef sia davvero importante.
      Noi sappiamo che è un colosso della solidarietà e a volte pensiamo non ci sia bisogno di noi.
      Sbagliamo.

      Abbraccio!

      Elimina
  3. Ciao Mari,
    Grazie per ricordarci questa disgrazia planetaria.
    E soprattutto per averci ricordato i numeri. Anche un solo bambino che muore è una perdita per il mondo, ma questi sono numeri che fanno rabbrividire.
    Un abbraccio e per quanto possiamo sosteniamo queste iniziative.
    Abbracci Leo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già Leo, sono proprio i numeri che mi hanno terrorizzata.
      E che mi hanno fatto decidere di parlarne e cercare di sostenerla come potevo.

      Abbraccio a te.

      Elimina
  4. Cara Mari
    sono anni che mi interesso all'Unicef.
    Nel mio piccolo ho sempre aderito alle loro iniziative.
    Brava ad averlo fatto presente nel tuo blog.
    bacio veru

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Brava te, Veru.
      Per il tuo contributo costante.
      Ti abbraccio amica.

      Elimina
  5. Ciao Mari!
    Che terribile realtà,questa situazione drammatica dovrebbe essere sostenuta da ogni individuo,tutti dovremmo contribuire a risolvere questa enorme piaga che non ha fine,se ognuno di noi avesse la dote della sensibilità e dell'appartenenza degli uni con gli altri sai che passi da gigante e pensare che basta così poco.....
    Grazie amica la tua sensibilità ti rende grande e sono fiera di averti conosciuto
    Ti abbracciò forte

    RispondiElimina
  6. Cara, non vorrei essere cinica, ma il tuo desiderio, che è anche il mio, si scontra con una realtà fatta di egoismo e di furberia.
    Pensa, che per lavoro, ogni anno deduco dalle imposte di società, un mare di erogazioni liberali.
    Loro fanno "del bene" sostengono Onlus, Associazioni varie ed eventuali e poi se le deducono dalle tasse.
    Un colpo al cerchio e uno alla botte. E si fanno grandi, parlando del bene che riescono a fare.
    Così si lavano la coscienza e risparmiano sulle imposte da pagare.
    Stiamo parlando di decine di migliaia di euro.
    Pensa, volendo, nel nostro piccolo potremmo farlo anche noi. Io per uno scrupolo etico, proprio non ci riesco.
    Ma di sicuro, sono io quella sbagliata.
    Ti abbraccio forte anche io, cara amica.

    RispondiElimina
  7. Mary cara sono anni che dono all'Unicef ma ammetto che anche io deduco dalle tasse quanto devo. Adoro l'Unicef perchè è molto chiara ti permette di scegliere ciò che vuoi donare, dicendoti ovviamente che vi sono delle priorità ( per esempio in questi mesi ha tolto la scelta di quadernoni, cancelleria e cose scolastiche) come determinati vaccini o biscotti proteici. Ti comunica quando li spedisce e quando arrivano.
    Ovviamente anche io faccio cose che non si deducono dalle tasse, prima fra tutte la donazione di sangue all'Ospedale pediatrico, soprattutto da quando ho saputo che il mio gruppo sanguigno è molto ricercato ed hanno pochi donatori. Peccato non poter donare + di due volte l'anno (noi donne) e peccato non trovare sostenitori nella mia famiglia (nè marito nè genitori) per cui mi ritrovo anche a dover andare da sola, fortuna che talvolta mi ha accompagnata mio fratello. Cmq come sai penso che il sostegno non debba essere solo economico per lavarsi la coscienza, come acquistare la palla di Natale Telethon (solo l'anno scorso ne ho comprate 3), ma occorre attivarsi di persona con del volontariato in ospedale, in comunità, pranzo natalizio con i poveri, volantinaggio nelle piazze....ma è sempre troppo difficile per tutti perchè ci avviciniamo a realtà troppo forti da accettare.
    baci baci
    notte notte

    RispondiElimina

Informazioni personali

La mia foto
Quasi sei anni di blog. Benvenuti da me. Vi accoglierò con abbracci e qualche legnata. Abbiate pazienza divento anziana!